Come sapere se un gatto ha la febbre?

24 Maggio, 2022

Come proprietari, una delle nostre maggiori preoccupazioni è quella di mantenere la salute dei nostri gatti. Quando questa salute è compromessa, può essere una grande frustrazione e ripristinarla dovrebbe diventare la nostra massima priorità.

In questo articolo ti aiutiamo a identificare la presenza di febbre nel tuo gatto, le cause più comuni e come controllarla.

Come faccio a sapere se il mio gatto ha la febbre?

I sintomi della febbre nei gatti sono vari, ma alcuni dei più evidenti sono:

  • Non vogliono mangiare né bere acqua. L’assunzione di cibo è molto bassa o semplicemente hanno smesso di mangiare. Per quanto riguarda l’acqua, dobbiamo aiutarli ad idratarsi perché è molto importante per il loro recupero.
  • Naso caldo e secco.  Probabilmente hai notato che il naso del tuo gatto è spesso freddo e umido. Questa variazione di temperatura è un segno di un problema di salute, ma non è necessariamente sempre legata alla febbre.
  • Angoscia. Di solito si può capire se sono nervosi, quando il battito cardiaco e la respirazione accelerano più del normale.
  • Mancanza di energia. Soltanto vogliono dormire e stare tranquilli
  • Trascuratezza. Mancanza di igiene, come ad esempio il non corretto utilizzo della lettiera.   

Come si misura la temperatura del mio gatto?

Per misurare la temperatura del tuo gatto sarà necessario utilizzare un termometro digitale. Se ne avete uno in casa o se ne acquistate uno nuovo, consigliamo di riservarlo esclusivamente per il tuo animale domestico.

Esistono tre modi per misurare la temperatura del gatto, ma quello consigliato come il più accurato è senza dubbio quello rettale. Per questo motivo, ti consigliamo di chiedere a qualcuno di aiutarti a tenere il gatto o di avvolgerlo in un asciugamano per immobilizzarlo.

Prepara il termometro con gelatina di petrolio per lubrificarlo, solleva la coda e inserisci il termometro per circa due centimetri senza forzare. Attende che raggiunga la temperatura prima di rimuoverlo delicatamente.

Il secondo metodo è quello attraverso le ascelle, che è meno affidabile ma è il più semplice. Tieni il tuo gatto in braccio e posiziona il termometro sotto l’ascella, impedendogli di muoversi.

Infine, si può ricorrere alla misurazione della temperatura attraverso le orecchie. Per posizionare correttamente il termometro all’interno del condotto uditivo, avrai bisogno di qualcuno che ti aiuti a tenere fermo il gatto, poiché la testa deve essere immobilizzata. Assicurarti che il termometro sia tenuto in posizione orizzontale quando si misura la temperatura in questo modo.

Perché il mio gatto ha la febbre?

La temperatura corporea normale di un gatto adulto è compresa tra 38 e 39 gradi, mentre nel caso dei cuccioli può raggiungere fino a 39,5 gradi centigradi. Qualsiasi temperatura superiore a questi valori può essere considerata come una febbre.

La febbre è un meccanismo di difesa del corpo, ovvero viene attivata dall’organismo per proteggersi dalla presenza di batteri o virus. Sebbene possa aiutare a combattere alcune malattie, quando la febbre stessa si aggrava, può causare un enorme disagio.

Cosa fare se il mio gatto ha la febbre?

È possibile essere in grado di controllare e calmare la febbre, ma non dobbiamo dimenticare che si tratta di un segnale del corpo che ci indica che c’è qualcosa di più grave in corso. Dobbiamo recarci da un veterinario per trattare il vero problema di salute del nostro animale domestico.

Il veterinario prescriverà qualsiasi farmaco o trattamento necessario per controllare la febbre, quindi è molto importante che non venga interrotto o terminato prima di quanto prescritto.

Tuttavia, se per qualche motivo non puoi recarti dal medico, puoi seguire alcuni rimedi per tenere sotto controllo la situazione. Ricorda che tutto ciò deve essere fatto sempre previa autorizzazione del tuo veterinario di fiducia.

È molto importante tenere sotto controllo l’assunzione di acqua da parte del nostro gatto, perché dobbiamo evitare la disidratazione. È anche possibile cercare di regolare la sua temperatura applicando impacchi umidi sulla fronte per alcuni minuti. Lo si può fare con asciugamani e acqua fredda.

Questo procedimento deve essere eseguito due volte al giorno e può essere completato con impacchi sulle zampe, nella zona dell’addome e inguinale per migliorare i risultati.

Per saperne di più su come prendersi cura del tuo gatto, visitate la nostra sezione dedicata alla salute e alla cura dei gatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.