Toxoplasmosi nei Gatti ; Sintomi e trattamento

Toxoplasmosi nei Gatti ; Sintomi e trattamento

9 Gennaio, 2020

La toxoplasmosi è una malattia che possono contrarre i gatti che entrano in contatto con le uova del parassita Toxoplasma gondii. Questo parassita ha come ospite principale i felini, trasmettendolo tra di loro e anche agli umani e agli altri animali domestici.

La toxoplasmosi nei gatti è nota principalmente per il rischio che suppone per le donne in gravidanza. Sebbene questa malattia non sia presente in tutti i gatti, né è così facile da trasmettere se si seguono le linee guida igieniche adeguate.

Sai esattamente come i gatti acquisiscono la toxoplasmosi felina? Scopri come si diffonde e come si manifesta nell’animale, oltre al miglior trattamento per uccidere il parassita

Che cos’è la toxoplasmosi felina?

La toxoplasmosi è un’infezione causata da un parassita chiamato Toxoplasma gondii che necessita vivere all’interno di un altro animale per completare il suo ciclo di vita.

Sebbene il parassita possa infettare altri animali e persone, la parte più importante del ciclo deve avvenire all’interno dei felini, nelle cui cellule trova i mezzi perfetti per riprodursi e rilasciare nuovamente le uova nell’ambiente esterno, completando il ciclo di vita .

Non è una malattia grave nel gatto, ma può presentare una serie di sintomi fastidiosi. Prima di tutto, si deve evitare il suo contagio nei confronti di altri animali e umani, tagliando il ciclo con il trattamento corretto.

Come contraggono i gatti la toxoplasmosi?

I gatti possono contrarre i parassiti attraverso varie vie:

  • Carne di altri animali contaminata con la toxoplasmosi.
  • Contatto con le feci di altri gatti che abbiano la malattia.
  • Attraverso la placenta, passando il parassita da madre a figlio durante la gestazione.

Il parassita entra nel corpo dell’animale sano e inizia a invadere le cellule dell’intestino, inchistandosi in esse per formare oocisti. Queste oocisti maturano, fino a quando non si staccano sotto forma di uova e diventano parte delle feci del gatto, uscendo fuori alla ricerca di un nuovo ospite che possano parassitare

Come si contagia la toxoplasmosi da Gatti a umani?

La toxoplasmosi nell’uomo non ha sintomi pericolosi per la salute. Gli esseri umani non sono l’ospite principale di questo parassita e prima o poi finiremo per eliminarli completamente nel caso in cui ne venissimo contagiati

Il pericolo sta nelle donne in gravidanza che possono essere infettate, influendo sullo sviluppo del feto o causando qualche tipo di complicazione nella gravidanza.

Affinché una donna incinta venga contagiata de queste uova, il suo gatto deve prima avere il parassita dentro di sé, qualcosa oggigiorno  non comune nei gatti di casa. Solo nel caso in cui il gatto abbia la toxoplasmosi, il mezzo di contagio sarebbe quello di manipolare le feci dell’animale con le mani e poi portarle in bocca per ingerire le uova.

Come prevenzione, sarebbe sufficiente evitare che la donna incinta cambi la sabbiera del gatto  o che indossi dei guanti monouso ogni volta che fa questo lavoro, cambiando frequentemente la sabbia e mantenendo un’igiene adeguata in casa.

Sintomi di toxoplasmosi nei gatti

Rilevare la toxoplasmosi nei gatti non è facile, poiché i sintomi sono molto lievi e passano inosservati. Possono verificarsi episodi di vomito e diarrea, più frequenti nei gatti piccoli.

Durante il rilascio delle uova, si verifica la necrosi cellulare nell’intestino dell’animale, insieme a una serie di sintomi caratteristici: tosse, dispnea, zoppia, dolore muscolare, febbre, ittero e alcuni tipi di infezioni.

Trattamento della toxoplasmosi nei gatti

Un gatto affetto dai sintomi della toxoplasmosi richiede un trattamento per migliorare la propria salute. Per questo è necessario andare prima dal veterinario, facendo una diagnosi corretta prima di applicare il trattamento con clindamicina.

Il trattamento della toxoplasmosi è di 30 giorni, fino a quando non è possibile rivertire la malattia e migliorare le condizioni dell’animale.

Una volta eliminato il parassita e come prevenzione della toxoplasmosi, a Sepicat consigliamo di mantenere una buona dieta e di pulire gli spazi in cui transita l’animale evitando così il contagio di gatti, umani e altri animali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *