Le allergie nei gatti: quali i sintomi?

Le allergie nei gatti: quali i sintomi?

30 Giugno, 2017

Tutti noi sappiamo di persone allergiche ai gatti e proprio di questo parleremo più avanti nel blog. Ma dato che anche le alergie nei gatti è un fatto piuttosto comune, è importante saperne riconoscere i primi sintomi per poter prestare loro le cure del caso.

Cos’è l’allergia?

È un sistema di allarme che ci dice che qualcosa sta danneggiando la salute dell’organismo. Al pari degli esseri umani, i gatti possono essere allergici a numerosi elementi quali il polline, alcuni alimenti, la puntura di pulci, funghi e anche a voi stessi.

I sintomi più comuni che vi fanno capire che qualcosa sta accadendo al vostro gatto, sono tosse, starnuti, pelle arrossata, escoriazioni da grattamento, vomito, diarrea, zone senza pelo e infiammazione della pelle.

In presenza di tali segnali, in primo luogo dovete recarvi dal veterinario per i test del caso. Dopo aver identificato il tipo di allergia tramite un’analisi del sangue, raschiato cutaneo o test allergici, potrete iniziare la terapia consigliatavi dallo specialista per alleviare i sintomi del vostro micio.

In che cosa consiste la cura?

Sebbene non esistano cure definitive contro l’allergia, sono comunque disponibili rimedi antiallergici che contribuiscono ad alleviare e anche a far scomparire i sintomi.

Nel caso delle allergie alimentari, il trattamento più efficace consiste nell’evitare l’ingestione dell’alimento scatenante la reazione. Inoltre, il veterinario ci somministrerà un antistaminico mediante iniezione e potrà consigliare determinati cibi ipoallergenici in modo tale da evitare carenze nutrizionali.

Nel caso di dermatiti allergiche, è più che probabile che siano riconducibili alla puntura di pulci. Se così fosse, dovrete portarci quanto prima dal veterinario per le cure del caso nonché per farvi spiegare come eliminare le pulci dal nostro corpo e alleviare il prurito.

E se il vostro gatto fosse allergico agli uomini?

In primo luogo, non facciamoci prendere dal panico dato che esistono rimedi che consentono di alleviarne la sintomatologia senza dover necessariamente separarvi dal vostro miglior amico. Come di consueto, dovete recarvi immediatamente dal veterinario perché ci prescriva una cura adeguata e, poi, cosa importantissima, dovete tenere la casa quanto più pulita possibile. Infatti, nel nostro caso l’allergia è provocata dalla forfora e dalle scaglie di pelle morta, ragion per cui dovrete provvedere a rimuovere con una certa frequenza polvere e peluria da ogni angolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *